Navigazione veloce

Storia della scuola

L’Istituto Comprensivo Via F. Santi 65 comprende tre ordini di scuola: infanzia, primaria e secondaria di primo grado. Dunque  accoglie gli alunni in un percorso che va dai tre anni ai tredici anni.

La scuola secondaria è composta da un plesso sito in Via Santi 81.

La primaria è composta da tre plessi:

-  la scuola primaria “Italo Calvino”, la “Fabio Filzi” con annesse sezioni della scuola dell’infanzia e della “sezione ponte”;

-  la scuola primaria di Via “Santi”, sede di Direzione, con sei sezioni di scuola dell’infanzia statale.

I plessi “Calvino” e “Santi” sono ubicati sul territorio tra la Via Tiburtina, la Via Collatina e l’autostrada Roma -L’Aquila ; il plesso “Filzi” è sorto al centro dello storico quartiere “Tiburtino Terzo”.

I plessi, con le loro identità ben definite, hanno contribuito alla crescita del quartiere e si trovano oggi a garantire continuità nei percorsi formativi e nelle scelte metodologiche, attraverso l’integrazione delle risorse umane e strutturali di cui dispongono.

L’Istituto presta particolare  attenzione  all’ Educazione alla Convivenza Civile ora denominata Cittadinanza e Costituzione , affermando così  “il principio secondo il quale far bene a se stessi è anche, sempre, far bene agli altri e contribuire all’agire bene di tutti e viceversa”.

La scelta, basata sulla comune prospettiva di porre l’alunno al centro di tutte le scelte educativo-didattiche dell’Istituto, s’ispira ai seguenti valori:

  • Collaborazione costante tra tutte le componenti scolastiche
  • Responsabilità individuale di tutti gli operatori rispetto ad attività e   risultati
  • Trasparenza delle decisioni
  • Efficienza nelle operazioni
  • Attenzione al mondo esterno
  • Valorizzazione del territorio come risorsa

Mission dell’Istituto è “rendere le bambine e i bambini, le ragazze e i ragazzi, attraverso il sapere, il sapere fare e il sapere essere, autonomi, competenti, consapevoli e responsabili.”

 Per perseguire tali obiettivi l’Istituto si avvale, di sperimentazioni e progetti tendenti al miglioramento dell’offerta formativa e all’arricchimento dell’esperienza educativa, nonché di personale competente e qualificato professionalmente. Sono numerose le iniziative di aggiornamento e di auto-aggiornamento cui il personale partecipa. Spesso ci si avvale della consulenza di esperti per seguire meglio le problematiche relative alle varie fasi dello sviluppo psicologico degli alunni. La didattica è improntata sulla metodologia del fare, dell’utilizzo dei laboratori, (come modalità del fare scuola, che affianca i percorsi e ne allarga gli orizzonti), sulla ricerca–azione.

L’organizzazione didattica intende superare l’ottica di un insegnamento disciplinare, pensato e gestito dal singolo docente. Il team di docenti programma ed attua intrecci di competenze e sviluppa potenzialità e abilità in ciascuna area d’intervento, attraverso l’educazione del pensiero divergente.

L’Istituto Comprensivo, inoltre, si è sempre mostrato aperto ai cambiamenti e alle trasformazioni dovute alle esigenze di rinnovamento didattico della scuola italiana con progetti didattici che tengono conto di elementi chiave quali: continuità, personalizzazione, valutazione e valorizzazione degli  apprendimenti.

Sono state individuate le seguenti aree di progetto:

1. Continuità e Orientamento: per favorire il passaggio tra i livelli di scuole con incontri tra gli alunni delle classi/sezioni -ponte e tra docenti, con percorsi e strumenti comuni;

2. Linguaggi espressivi : apertura delle biblioteche scolastiche, incontri con gli autori, scoperta del libro, attività di animazione e creazione di libri da parte degli alunni;

3. Informatica: graduale e mirata alfabetizzazione informatica, produzione di lavori   multimediali (nei plessi ci sono laboratori d’informatica con postazioni computer in rete e collegati ad Internet.);

4. Educazione ambientale e scientifica: giardinaggio e orticultura nelle aree verdi dei plessi. Attività di studio, di ricerca specifiche dell’educazione scientifica, ecologica ed ambientale.

5.Integrazione e sviluppo :coordinamento delle attività di sostegno dell’Istituto e dei GLH operativi.

6. Qualità: dal 2002 il nostro Istituto ha scelto di progettare ed implementare un Sistema di Gestione della Qualità, certificato secondo la Norma ISO 9001:2008. L’ Istituto Comprensivo, in quest’ottica di gestione, persegue la qualità, rilevando le esigenze dei propri clienti, traducendole in caratteristiche del servizio erogato e monitorando costantemente il livello di qualità percepito dai clienti stessi. Le metodologie messe in atto a tal fine, le responsabilità delle varie funzioni coinvolte, le attività necessarie a documentare l’attuazione di una coerente politica della Qualità, sono contenute nel presente “Manuale della Qualità”.

7.Valutazione: attività valutative,prove standard , aggiornamento scheda di valutazione, costruzione di un curricolo in verticale

L’offerta formativa è ampliata dando agli utenti la possibilità di partecipare, in orario pomeridiano, ad attività sportive gestite da associazioni territoriali, attività musicali; lingua  l’inglese fin dalla scuola dell’infanzia “l’inglese giocando.

Viene garantita l’accoglienza a scuola dei bambini a partire dalle ore 7.30 a cura di un’associazione culturale. La stessa gestisce i centri ricreativi durante la chiusura estiva dell’Istituto.

L’Istituto Comprensivo può così soddisfare la necessità di una progressiva crescita dei bisogni formativi in un costante dialogo con i bisogni degli studenti, delle famiglie, delle istituzioni e di tutte le parti interessate.

Tutte le iniziative e le capacità progettuali della  scuola sono contenute nel Piano dell’Offerta Formativa (POF).